Smarrimento, furto o deterioramento di un documento

Smarrimento, furto o deterioramento di un documento

Denuncia di smarrimento o furto di un documento

In caso di smarrimento o furto di un documento, il primo passo da compiere è la relativa denuncia alle autorità competenti. La denuncia è necessaria per poter richiedere il duplicato del documento ed evitare di essere coinvolti in illeciti ad opera di altri ma a proprio nome.

La denuncia può essere effettuata presso una caserma dei Carabinieri o una questura della Polizia di Stato o, in casi particolari, previa compilazione di un modulo online (vedi paragrafo seguente).

L’atto di denuncia avviene mediante la compilazione di un modulo con l’assistenza delle autorità competenti, in cui viene richiesto di dichiarare le proprie generalità, la tipologia di documento smarrito, le circostanze in cui il documento è stato smarrito o rubato ed eventuali prove del fatto.

Le Forze dell’Ordine rilasceranno una copia dell’atto di denuncia da presentare ai relativi uffici per ottenere il duplicato del documento di identità.

Denuncia online di smarrimento o furto di un documento

Chi ha smarrito o ha subito il furto del documento di identità può sporgere una denuncia previa compilazione online del relativo modulo, in modo tale da velocizzare le operazioni una volta recatisi presso le autorità competenti. La compilazione della modulistica via internet non consente di evitare la presentazione della denuncia di persona, ma permette una procedura più agevole e preferenziale, consentendo all’interessato di precompilare il relativo modulo di denuncia e di scegliere l’orario e la data di presentazione presso il Comando o la Tenenza prescelti.

La denuncia tramite procedura online è possibile solo quando il furto o lo smarrimento siano stati commessi da ignoti e non richiedano la presenza dell’ufficiale di polizia giudiziaria per mancata complessità o gravità dell’evento.

La procedura online può essere effettuata sui siti istituzionali della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri ai link di seguito indicati, i quali richiedono una registrazione e aiutano l’utente nella compilazione dei documenti tramite una procedura guidata:

Una volta terminata la procedura, il modulo compilato viene contrassegnato con un numero di protocollo e viene inoltrato alle autorità competenti. A questo punto viene richiesto all’utente di scegliere una data, un orario e un luogo di preferenza (una caserma o una questura) per la presentazione personale della denuncia, che deve avvenire imperativamente entro 48 ore dall’inoltro online. La conferma dell’appuntamento viene quindi inviata all’utente tramite posta elettronica.

Con la presentazione personale della denuncia si procede alle eventuali integrazioni e modificazioni dell’atto e alla sua sottoscrizione. Tramite la sottoscrizione il documento assume valore legale e la denuncia viene formalizzata.

Le autorità competenti rilasciano all’interessato la copia della denuncia, al fine di ottenere il duplicato del documento smarrito o rubato.

Il rilascio del duplicato del documento di identità smarrito, rubato o deteriorato

La carta d’identità

Il soggetto che abbia smarrito la carta di identità o sia stato vittima di un furto deve provvedere alla relativa denuncia presso le autorità competenti prima di poter richiedere il relativo duplicato.

Nel caso in cui, invece, il documento di identità sia semplicemente in stato di avanzato deterioramento, è richiesto al cittadino di recarsi direttamente presso l’ufficio Anagrafe del Comune di residenza con la documentazione necessaria.

La modulistica da procurarsi e consegnare all’ufficio è:

  1. una fotocopia dell’atto di denuncia (in caso di smarrimento o furto del documento);
  2. 3 fototessere identiche e recenti (in alcuni comuni è sufficiente una sola fototessera);
  3. un documento diverso dalla carta d’identità in corso di validità che attesti le generalità del richiedente (es: il passaporto o la patente di guida). Quando il soggetto interessato non sia in grado di presentare un documento di identità alternativo, è necessario che si rechi presso l’ufficio anagrafe con due conoscenti che testimonino la sua l’identità.

In caso di furto, smarrimento o deterioramento del documento il costo del rilascio del documento di identità è di 5,16€ di diritti fissi e di 22,21€ per le spese di emissione.

Il passaporto

Anche nel caso in cui sia stato smarrito o rubato il passaporto la procedura di richiesta di duplicato è simile. Innanzitutto è necessario procedere alla relativa denuncia presso le autorità competenti, da consegnare con il resto della modulistica richiesta.

Nel caso in cui invece il passaporto sia semplicemente in stato avanzato di deterioramento, sarà da mostrare alle autorità durante la procedura di richiesta di duplicato, affinché esse lo annullino e lo riconsegnino insieme al nuovo passaporto. Il vecchio passaporto continua ad avere validità in riferimento agli eventuali visti in esso contenuti, che in caso di necessità dovranno essere presentati insieme al nuovo passaporto.

La richiesta di duplicato può essere effettuata presso i seguenti uffici del luogo di residenza o di domicilio o di dimora:

  1. la Questura
  2. l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza
  3. stazione dei Carabinieri (per le impronte digitali, se previste, il cittadino si dovrà recare presso la Questura o il Commissariato, anche in tempi differiti).

È possibile prenotare online l’appuntamento per la richiesta del rilascio, tramite il sito www.passaportonline.poliziadistato.it.

Se le date disponibili online sono terminate e sussiste un caso di urgenza motivata (lavoro, salute e studio) è possibile recarsi direttamente presso la Questura o il Commissariato.

I documenti da consegnare in tale sede saranno:

  1. il modulo di richiesta di rilascio del passaporto (scaricabile sul sito della Polizia di Stato);
  2. un documento di riconoscimento in corso di validità e la relativa fotocopia;
  3. due fototessere identiche e recenti;
  4. un contrassegno amministrativo da €73,50 da richiedere in una rivendita di valori bollati o tabaccaio;
  5. la ricevuta del pagamento a mezzo c/c di €42,50 da versare presso gli uffici postali di Poste italiane mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro. Il bollettino si trova già precompilato presso le Poste, sarà quindi sufficiente richiederlo espressamente una volta giunti in loco. All’interno della dicitura “eseguito da” dovranno essere inseriti i dati dell’intestatario del passaporto (anche se minore) e la causale dovrà essere “importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
  6. La ricevuta ottenuta dopo la registrazione presso il sito Agenda Passaporto;
  7. Il precedente passaporto (se non rubato o smarrito).

Una volta rilasciato il documento è possibile procedere al suo ritiro in loco.

La patente

Anche nel caso di smarrimento o furto della patente l’intestatario del documento deve procedere alla relativa denuncia presso le autorità competenti, entro 48 ore dall’avvenimento del fatto.

La denuncia è necessaria, oltre che per ottenere il duplicato, anche per il rilascio di un permesso provvisorio necessario per poter guidare, valido solo in Italia. La patente oggetto della denuncia non è più valida dal momento del rilascio del permesso provvisorio, ed in caso di ritrovamento o restituzione deve essere distrutta.

Al momento della denuncia, l’organo di Polizia verifica se il documento sia duplicabile direttamente senza richieste ulteriori da parte dell’utente oppure se la relativa richiesta dovrà essere effettuata presso l’Ufficio motorizzazione civile.

Nel caso in cui la patente sia duplicabile presso l’organo di Polizia, è necessario consegnare 2 fototessere identiche. L’organo di polizia invia la richiesta di duplicato al Ministero e rilascia un permesso provvisorio di guida. Successivamente il nuovo documento viene spedito all’indirizzo di residenza dell’intestatario con posta assicurata, al costo di €10,20 più le spese postali da pagare al postino che effettua la consegna.

Se la patente risulta “non duplicabile” al momento della denuncia o se la consegna da parte dell’ufficio postale non è perfezionata a causa di errori nell’indirizzo del richiedente, sarà necessario procedere alla richiesta di duplicato presso un Ufficio di motorizzazione civile.

In questo caso la documentazione da presentare all’Ufficio di motorizzazione civile sarà:

  1. la richiesta di duplicato (modello TT 2112) disponibile presso l’ufficio o previamente scaricabile online sul Portale dell’automobilista;
  2. la denuncia di smarrimento, furto o distruzione della patente;
  3. il permesso provvisorio di guida rilasciato dagli organi di Polizia;
  4. l’attestazione del versamento del bollettino di €10,20 sul c/c 9001 (disponibile prestampato presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione);
  5. 2 fototessere identiche;
  6. l’originale e una fotocopia di un valido documento di identità.